mercoledì 1 febbraio 2017

Happy New Year Makeup Challenge - Ovvero cosa mi porto dietro dal 2016!

Eeeeee ce l'ho fatta!!

Il primo post dell'anno è una paraculata.
Nel senso che sto riciclando informazioni giá condivise sui social, ma mi sembrava una buona idea...
Laura di Il Mio Beauty ha lanciato una challenge su Instagram, le cui regole sono elencate qui.

Siccome mi ha fatto ragionare sui miei prodotti Top & Flop del 2016, ho pensato di raggrupparli tutti qui in un post, in modo che siano tutti leggibili e che possiate lasciarmi qualche vostra esperienza! :)

Cominciamo


  • Palette ombretti preferita

Non sono una compratrice seriale di palette, ma nell'ultimo anno sono diventata un po' ossessionata dai pan singoli di Makeup Geek e Morphe Brushes, tutti presi su Beauty Bay, che hanno trovato posto in diverse palette magnetiche, tra cui questa di Morphe, compatta e solida per i viaggi, con un comodissimo specchio gigante, in cui ho sistemato i 12 che uso praticamente su base quotidiana. Sono molto soddisfatta!



  • Makeup più riuscito


Non ho sperimentato tanto con il makeup nel 2016, quindi le uniche testimonianze di makeup venuti bene sono i miei patetici selfie in ufficio.
Questo, piú che altro dovuto al colore stratosferico della camicetta H&M, è tra i miei preferiti.
Solito trucco occhi, ma combo labbra tanto amata: matita MAC Heroine e rossetto Rouge d'Armani #600.

  • Blush preferito

Bramato per mesi, nel 2016 è approdato su questi lidi il blush Radiant Magenta di Hourglass, che, oltre a dare una bella nota rosata sulle guance, incorpora lo splendore delle polveri Ambient Light, donando tridimensionalitá e pienezza alle mie povere guance piatte. Grande amore!!
  • Rossetto preferito

Vabé, ma lo sanno anche i muri!
Nessuno batte da anni il rossetto del cuore: Giorgio Armani Rouge d'Armani #402, ma questo scorso anno ho acquistato, in un raptus da hype su internet, Babes and Balls di MAC e devo dire che fa la sua porchissima figura.

  • Collezione makeup più bella
Gioco il Jolly!
Non ricordo una particolare collezione makeup che mi abbia stupita nel 2016, quindi menziono ancora la bellezza e qualitá della sezione Beauty di H&M. Due dei miei rossetti preferiti appartengono ai loro Cream Lip Color ( qui e qui) e ogni giorno uso una delle loto matite occhi.
Assolutamente consigliato un giro in negozio o sul sito!

  • Prodotto skincare rivelazione

Tra le mille cose provate (skincare mon amour), queste due si sono distinte e sono state o verranno ricomprate.
Un siero "dissetante" da mettere sotto la crema quando la pelle ha bisogno, e un olio (tra l'altro dal profumo delicatissimo) alla vitamina E che mi fa la pelle da bambola durante la notte.

  • Prodotto haircare rivelazione

Nessuna rivelazione del 2016, visto che la routine è rimasta invariata dall'anno precedente, anno di lancio dell'intera linea CURL di JOICO, l'unica che uso e amo. Tra i maipiúsenza, sicuramente il latte pre-styling, che combatte il crespo come nessuno! Visto qui.

  • Ombretto preferito

Quello preferito di sempre sarebbe il pigmento Deep Blue Green di MAC, ma se parliamo del 2016, ho scoperto i pigmenti Kryolan ad una fiera di cosmetica in Germania e mi sono innamorata di Antracite. Un grigio con i contrococomeri!
Come ombretto in crema, confermo l'amore per il Cream Crush #3 di Kiko che uso come colore di transizione o base per una miriade di makeup. E ricordate l'uso alternativo come crema da contouring di cui ho parlato nel post dedicato. Sí, lo so che era il 2015, ma nel 2016 è ancora lui il mio favorito.

  • Acquisto sbagliato

Non mi pento dell'acquisto perché comunque aiuta un'ottima causa, ma Finally Free di MAC purtroppo risulta troppo pallido su di me e mi trovo ad usarlo davvero pochissimo. Un peccato!

  • Balsamo labbra preferito

Nei secoli fedele: il balsamo Réve de Miel di Nuxe. Di notte o in casa, uso solo lui. Idrata benissimo e protegge dalla disidratazione anche in periodi difficili!

  • Prodotti mai più senza

Ma ovviamente l'eyeliner della vita: Tattoo Liner di Kat Von D in Trooper, di cui ho un ultimo esemplare di scorta (ma per fortuna, è di questi giorni la notizia che KVD sará disponibile da Sephora in Italia, quindi potró rifare scorte mooooolto piú facilmente, senza scomodare parenti e amici in America!)
La cipria Dim Light di Hourglass è stata ricomprata perché come fa bella la pelle  lei, nessun'altra!

  • Prodotto delusione

Doveva essere lui: il Cachemire Lip Cream di Bite, visto anche qui insieme ad altri prototti delusione!

  • Ombretto bella scoperta

A parte TUTTI i Makeup Geek e Morphe illustrati qui sopra, devo dire che uso tantissimo e adoro un piccolo mono della Catrice, dal nome (adorabile) di Vanillary.
È un color panna apparentemente matte ma dall'anima iridescente. Una polvere morbidissima e vellutata che uso per illuminare l'angolo interno e quello esterno dell'occhio (sotto la coda dell'eyeliner, fa faville!) o come illuminante sugli zigomi. Perfetto, discreto, neutro, fa effetto pelle luminosa in un secondo. LO ADORO!

  • Acquisto migliore

Direi questi due.
Per il makeup, il Long Lasting Lipstick in Santa Ana: confortevole, super resistente, di un rosa-rosso spento che sta bene con un sacco di roba. La formula piú bella mai provata (insieme agli Stila).
Per la skincare, la trovata dell'anno, ma anche della vita: la crema mani all'olio di cocco di Palmer's, reperibile in UK, costa una scemenza ma è l'unica che di notte fa davvero il suo dovere e salva le mani dalla secchezza invernale. Siamo alla terza confezione e prevedo acquisti a fine mese appena saró in suolo inglese.

  • Rossetto rosso

Rinnovato amore per una LE di MAC di qualche anno fa. Questo di chiama Deeply Adored e non potrebbe avere nome piú calzante. Un bel rosso freddo e cupo abbastanza da stare da DYO con i miei colori, è un matte di quelli belli confortevoli e mi dá sempre tante soddisfazioni!

  • Rossetto nude

Tradisco (momentaneamente) il sempre amato Craving di MAC, per lui: Armani Rouge d'Armani #602. Un MLBB rosato, ma non troppo, con quella consistenza spettacolare e quel look lussuoso che solo i suoi fratelli della stessa linea (e qualche Guerlain) possono vantare, pur stando fermo sulle labbra tutto il giorno. Ricevo sempre tanti complimenti quando lo indosso!

  • Pennelli makeup preferiti

Diversi Real Techniques, compagni fedeli di tutti i giorni e dei viaggi. Anni di utilizzo e nessuna défaillance! Assoluti favoriti.
Aggiungo due nuove leve: il Zoeva 226 Smudger Brush e il Morphe 628 Flat Definer, entrambi perfetti per sfumare matite e ombretti lungo le ciglia inferiori o superiori. Big Love.

  • Rossetto scuro

Lo uso poco, ma Ricco di Stila, visto qui, è uno scurone con i contrococomeri, ma dalla consistenza e stesura facili e confortevoli, al contrario di altri colori da battaglia. Consigliatissimo.

  • Struccante viso ed occhi preferiti

Lo ricompro a mazzi. Fa il suo lavoro in un secondo, non brucia, ed è pure bellino da vedere! :)
Lo uso per struccare gli occhi e leggermente sul viso, per poi passare alla detersione vera e propria con prodotti cremosi e panno in mussola o spugna naturale.

  • 3 prodotti in wishlist per il 2017

Siccome non ho abbastanza roba da skincare (help, ho detergenti viso da aprire che mi basteranno per i prossimi ventordici anni!), la mia prima scelta ricade ovviamente su... altra skincare! Sono davvero attratta dal brand Drunk Elephant e vorrei provare il loro kit "The littles", anche perché costa una fucilata e non mi sento di spendere 90 euro per un solo prodotto e poi rischiare non mi piaccia!
Il secondo prodotto è un correttore (e pure qui, ne ho giá 6-7 aperti e altrettanti di scorta), di cui parlano bene tante amiche blogger. Non so quanto resisteró!
Il terzo è in realtá un buon proposito per l'anno nuovo: cominciare ad usare prodotti con spf sotto la base (nel caso la BB o CC cream non ne contenga giá). Ovviamente la mia guida di riferimento è quella di Paula's choice, da cui attingeró appena mi decideró.

  • Look Natale

Lo scorso Natale l'ho passato in relax dalla mia mamma, quindi nessun trucco. Ma un po' di meritata cura della persona: maschera in tessuto all'acido ialuronico e manicure con OPI Lincoln Park After Dark, minisize del set "Best Crew Aboard"che ho regalato alla mother, che mi devo ricordare di comprare perché mi è piaciuto un sacco!

  • Illuminante preferito

Nabla Baby Glow.
Regalo di Alice, uso quasi sempre lui. Discreto ma super riflettente, di una tonalitá champagne splendida. L'amore.

  • Mascara preferito

Dopo aver provato a cambiare per un Kiko, sono tornata da lui. Maybelline Lash Sensational mi dá quello che voglio: definizione, volume e separazione. Ti ameró sempre.

  • Fondotinta preferito


No fondotinta in questa casa, ma creme colorate, BB e CC cream. In particolare, questa di Bourjois è sempre una garanzia, perché la coprenza è decisamente presente, ma la luminositá e il finish sono naturalissimi. Da ricomprare nei secoli.

  • Correttore preferito

I Lasting Perfection di Collection sono coprenti, duraturi e luminosi. E costano poche sterline. C'è da aggiungere altro?
Ah sí, fate piú colorazioni, che io di mischiarne due mi rompo le pallocce!!

  • Smalti preferiti

Ho scoperto dopo il resto del mondo la qualitá degli smalti OPI, quando mi è stato regalato Malaga Wine da una cliente. Niente, a parte che il punto di rosso di questo smalto è la cosa piú azzeccata ever, si stende perfettamente, si asciuga bene e non si sbecca facilmente. Ne seguiranno altri di sicuro!
  • Look capodanno
Lascio il link alla foto su Instagram!



E questo è tutto!
Sono riuscita ad essere costante con le condivisioni su Instagram e questo mi rende tronfia come un pavone.
Spero sia stata una buona idea raggruppare tutto in questo post.
Fatemi sapere se abbiamo qualche preferito in comune o cosa pensate della mia scelta di pubblicare foto in cui sembro un grande ustionato proprio il giorno di Natale!!

Baci a voi


venerdì 16 dicembre 2016

"Maledetto il giorno che ti ho comprato!" I miei prodotti deludenti!!


Qualche settimana fa ho riprovato ad indossare una tinta labbra, di un colore meraviglioso, che avevo comprato da Sephora US per un bel po' di soldoni, ma che mi aveva lasciata un po' delusa.
Ancora qualche giorno dopo, un rossetto liquido, regalo amorevole del marito, dal nome altisonante ma dalle performance insoddisfacenti.
Qualche tempo dopo ancora, ho rispolverato un rossetto che volevo fortemente amare, ma ancora una volta mi trovavo a non apprezzarne la consistenza e a relegarlo al fondo del portarossetti.

Insomma, ho avuto l'idea di raggruppare in un post quei prodotti che mi hanno davvero delusa, nonostante (e forse un po' anche a causa del) le altissime aspettative che riponevo in loro.

Per lo piú si tratta di prodotti di fascia alta, i quali hanno anche la colpa di farsi pagare tanto!
In quel caso dico: prodotti che non valgono lo sperperamento di denaro (liberamente ispirato al tag di Drama Top splurge worth products )

Vediamo quali sono



  • Bite Cashmere Lip Cream in Bordeaux.

Durante una delle mie incursioni sul sito americano di Sephora, mi sono concessa un prodotto di questo brand, che sulla carta sembra fighissimo. La Bite Beauty è quella che ha il negozio a New York in cui ti fanno il rossetto su misura *_*
È anche quella della famosa Agave Lip Mask e dei rossetti e tinte labbra fatti con ingredienti commestibili. Insomma, tanto da cui essere attratte!
Specie se trovi una tinta labbra dal nome Bordeaux, che è effettivamente Bordeaux violaceo e bellissima!


Diapositiva del suddetto in versione "selfie ammiccante in ufficio":



E allora qual è il problema?
Il problema è che questa tinta si presenta secca. Ma giá secca nel tubo!
E vabé, magari gli ingredienti naturali-edibili-e-blablabla danno questa consistenza, sorvoliamo..
Applicazione? Difficoltosa! L'applicatore è pessimo, duro e poco preciso.
E vabè, proviamo con un pennellino.
Stesura? Pessima! Si stende a chiazze e bisogna costruirlo e aggiustarlo per ottenere uno strato uniforme. Ok, forse perché è uno scurone, che notoriamente sono dei cagacaxxi!
Bene, siamo risciti a fare una bella boccuccia, usciamo e vediamo come si comporta.
Di merda!
Cioé, non si asciuga mai del tutto, si sposta, si accumula nelle pieghette e svanisce facilmente al centro delle labbra.
Io questo non lo perdono ad un rossetto Essence da 2,50 euro, figuriamoci ad una tinta da 28 dollari!
Frega niente degli oli edibili, datemi il silicone!!
BOCCIATA!
Da ritentare per l'ultima volta con sotto il primer labbra di MAC, ma tra poco parte pure nel cestino perché nel frattempo si è seccata pure di piú. ADDIO!


  • Armani Lip Maestro #400
  • Armani Eye tint in Obsidian

Questi vanno insieme. Uno per le labbra, l'altro per gli occhi.
Entrambi costosi, come si puó immaginare. Entrambi di un colore da far cadere le palle degli occhi alla sottoscritta. Entrambi regalo del maritino alla me adorante davanti allo stand Armani.
Entrambi cagosi!
Il Lip Maestro lo corteggiavo da tempo, convinta che la formula mi avrebbe fatto raggiungere il Nirvana cosmetico come quella del mio rossetto del cuore.
L'Eye Tint era appena uscito e io non potevo aspettare di leggere le review (avrei dovuto almeno consultare l'onnisciente Temptalia e vedere le sue foto, per risparmiarmi questa delusione)


Partiamo dalle labbra: il Lip Maestro non è una tinta, è un rossetto liquido. Ok. Ma promette di stare fermo per ore sulle labbra.
È sottilissimo, si stende facilmente in uno strato impalpabile. Ma per me non si aggrappa bene alle labbra, tende a svanire con il passare delle ore, lasciando trasparire il rosa delle mie labbra. E da un colore del genere non posso accettarlo.
Da riprovare con un primer o una matita sotto, ma il punto è che devo ingegnarmi per farlo funzionare e a lui preferiró sempre altri 10 rossi in mio possesso.
Fail!

L'Eye tint ha un colore spettacolare (un grigio antracite con microriflessi multicolore), ma anche lui una texture poratcha. Non è pieno, né fermo.
Per ottenere quel colore pieno, ci vorrebbero 2-3 passate, se lo si sfuma alle estremità per uno smokey perde subito di intensitá e sembra una macchia di olio. Ho provato a sfruttarlo in una linea compatta come eyeliner. E ha sbavato!! Ho letto da altre parti che è proprio il colore piú sfigato della collezione.
Io boh. Per usarlo come base sotto altri ombretti, penso che 33 euro siano sprecati.
Sta sempre nel cassetto e gli preferisco altri ombretti in crema.


  • Real Technique Bold Metals #201 Pointed Crease brush 



Appena usciti questi pennelli "lussuosi" della Real Techniques, e appena capitata a Londra per lavoro, mi sono precipitata nel primo Boots e ho acchiappato quelli che mi inspiravano maggior fiducia.
Tra i due presi, uno è una figata, l'altro è questo.
Un pennello da piega dovrebbe essere appuntito, ma morbido. E piccolo.
Io non ho occhi e orbite particolarmente minuscole, ma questo pennello è enorme!
Non solo. È duro come la pietra! Troppo rigido per fungere da pennello da sfumatura nella piega, che è la parte più mobile della nostra palpebra, Questo i colori li trascina, non li sfuma.
E fa pure male, se ci pensate.
Quindi no, no no. Al massimo lo posso usare per depositare il colore nella V piú esterna o sotto l'occhio, appoggiando solo la punta, ma per sfumare prendo qualcosa di morbido di Sigma o Bdellium e ciao.
Bocciatissimo!
Per 15 euro c'è decisamente di meglio!


  • Nabla Cosmetics Diva Crime Kernel


Io vi chiedo scusa. So che molte amano i Diva Crime e io ho provato con tutte le mie forze a farmeli piacere. Ho Cosmic Dancer (regalo di due care amiche) e Kernel, preso da me.
Non è stata una spesa esorbitante, perché i Diva Crime costano relativamente poco, ma devo inserirlo in questa lista perché mi pento davvero di averlo preso.
Vederlo swatchato mi fa ancora dubitare della mia sanità, perché lo vedo un colore bellissimo.
Purtroppo sulle labbra non è proprio il colore che mi sta meglio, tira fuori la sua anima grigia e mi incupisce. Ma questa non è la sua colpa.
La sua colpa è il fatto di avere una texture insopportabile per me.
L'aggettivo che piú la rappresenta è: scivolosa.
Lo sento scivoloso!
So che è fatto per essere confortevole, ma io lo trovo scomodissimo, non mi sento mai sicura nel portarlo perché lo sento muoversi sulle labbra e temo continuamente che sbavi, come se non si fissasse mai sulle labbra. Una sensazione che non apprezzo nei rossetti, specie di una certá profonditá.
Ho mille altri rossetti che rimangono morbidi e confortevoli, ma mi dànno la sicurezza di essere ben aggrappati alle labbra.
Quindi per me è NO! Provo a vedere se sta bene a mamma, altrimenti lo faró sparire!
(mi dicono che altri DivaCrime, i primissimi almeno, abbiano una consistenza migliore, ma non li ho mai provati e non credo lo faró)


  • Antipodes Aura Hanuka Honey Mask

Io amo la skincare.
Io amo le maschere idratanti.
Io adoro il miele.
C`erano tutte le carte in regola perché io mi innamorassi di questo prodotto, dopo averne letto recensioni entusiastiche dappertutto.
Ecco perché forse la delusione è cosí grande.
Non che faccia schifo, capiamoci.
Ha una bella texture, un profumo buonissimo, si stende e si assorbe facilmente. Io la uso overnight dopo la pulizia e l'esfoliazione del viso e del collo.
Ma vedo risultati? No...
Provo tanti prodotti di skincare: oli, creme, maschere, sieri, tonici. E di ognuno valuto l'effetto, anche minimo.
Questa maschera sembra non faccia niente piú di una normale crema idratante da giorno, nemmeno tanto complessa. Continuerò a sfruttarla fino alla fine del tubetto, ma non la ricomprerò.
E contando che il prezzo dei prodotti Antipodes non è proprio low cost, mi sento di bocciare questa maschera.


E questo è quanto.
Abbiamo avuto esperienze simili?
Quali sono i vostri prodotti delusione?
Speriamo di non dover scrivere un post simile tanto presto!

Baciotti

domenica 11 dicembre 2016

Review: ColourPop Ultra Matte Lips in More Better

Nel post in cui mostravo la palette Chrysalis di Kat von D, appariva prepotentemente un dettaglio: il rossettone meraviglioso.
Ed ecco finalmente qualche foto e parola a lui dedicate!



Si chiama More Better ed è uno degli Ultra Matte Lips di ColourPop.
Preso sul sito ufficiale per pochi dollari (6!), trattasi di una tinta labbra fatta veramente bene!
La consistenza è fluida ma non "sbrodolosa"; l'applicatore in spugna, morbido ma non flessibile, permette di stendere la tinta in uno strato leggero e uniforme, e dai bordi ben definiti.



Sopra lo vedete dopo un minuto dalla stesura: lo si puó correggere e lavorare tranquillamente prima che si asciughi. 

Ed eccolo qui sotto in azione.
Dall'applicatore, senza matita per il contorno, vorrei far notare.
Stesura super omogenea e semplice, finish matte ma non secco.
Colore stellare se amate i berry freddi e profondi.
Nient'altro da aggiungere, vostro onore.



Alcune comparazioni (forse) utili, in foto di scarsissima qualità:
è spiccatamente freddo, con sottotoni blu e la cosa più simile in mio possesso è la tinta Matte Muse di Kiko nella colorazione 06 Luxury Sangria. Recensita qui.
Il finish matte lo rende però più pieno e profondo.


Qui sopra, da sinistra: 
  1. Kiko Matte Muse #06 Luxury Sangria
  2. Wycon Make up Artist liquid lipstick in Lampone, 
  3. Rimmel Lasting Finish by Kate Moss #09, 
  4. ColourPop Ultra Matte Lips in More Better, 
  5. Nars Audacious Lipstick in Vera, 
  6. Armani Rouge d'Armani #402, 
  7. Rimmel Lasting finish Matte by Kate Moss #107

Insomma, in conclusione:
  • il colore è stratosferico.
  • la consistenza è ottima, facile da lavorare, uniforme nella stesura, non si accumula nella pieghette
  • la durata, una volta asciutta, è lunghissima
  • non straripa dai bordi
  • il comfort è molto buono, paragonabile a tinte di fascia di prezzo molto più alta
  • non secca le labbra, non evidenzia pellicine (ovviamente, come per ogni tinta matte, si consiglia di applicare un velo di balsamo labbra sotto o comunque di mantenerle idratate)
  • non va via a pezzi, ma svanisce gradualmente solo se si mangia o si beve qualcosa di oleoso.
  • si strucca facilmente con bifasici o prodotti oleosi.



Io consiglio di provare queste tinte ColourPop, hanno tantissimi colori interessanti e per il prezzo che hanno, valgono davvero tanto!

Vi piace More Better?
Avete esperienza con queste tinte?
Volete consigliarmi il prossimo colore? :)

Grazie per i vostri commenti, leggo tutto anche se non rispondo subito
Baci grandi


lunedì 24 ottobre 2016

The Color Analysis wars #2: Craving, Rust Me, Hot Tahiti, Finally Free, Retro, Rudolph

Dopo il primo post su alcuni famosi rossi, ecco la seconda parte sui rossetti "tranquilli", quelli che io e Alice usiamo come nude.
Sono 4 rossetti MAC, un Mulac e un H&M.
Vi rimando all'intro del primo post per capire quali differenze cromatiche abbiamo io e Alice.

Abbiamo messo insieme alcuni rossetti tipicamente da Inverno Profondo, alcuni Autunno Profondo e qualcosa né dell'una né dell'altra.

Braccio di Alice e braccio di Fran

Anche in questo caso, e già dallo swatch sul braccio, si possono notare delle differenze: possono essere minime (non c'é nessun rossetto che stia veramente da cani all'una o all'altra, capiamoci), o piú evidenti.
Avete "occhio"per vederle? :)
Giochiamo!


  • MAC Craving


Questo rossetto è forse il mio nude preferito di sempre. Lo comprai dopo un video di Clio, almeno 6 anni fa. È il primo MAC che finirò perché quasi giunto al capolinea e che sicuramtne ricomprerò.
È un rosa malva non troppo freddo o grigio, un colore simile a quello delle mie labbra come profonditá: qualsiasi colore più chiaro di questo tende ad impallidirmi.
 Lo chiamo il mio passe-partout perché sta davvero bene con tutti i miei makeup (che, ricordo, tendono sempre al neutro-freddo) e la formula consente ritocchi facili facili.
"When in doubt, Craving!"
Trovo che stia abbastanza bene anche su Alice, dove peró risulta piú rosa e troppo poco "incisivo" rispetto ad altri.



  • MAC Finally Free



Preso online al lancio, è descritto come rosa-nude medio, ma risulta un filo troppo chiaro e caldino per me, e di solito lo correggo con qualche matita o rossetto più ricco sotto.
Lo uso come ritocco quando resto senza rossetto al centro delle labbra ( e la tonalitá lo consente), perchè si può stratificare ed è super confortevole.
A parte che nella foto ne ho un po' sul canino, vorrei far notare come risulti piú chiaro su di me che su Alice. Diciamo che su di me non fa niente per illuminarmi, come invece fa Craving piú su.
Il sottotono lievemente caldo (nocciola?) sta anche un po' meglio sui colori di Ali, dove risulta più vivo.


  •  MAC Hot Tahiti


Pure Hot Tahiti lo presi in negozio qualche tempo fa, in cerca di un rossettino da borsa per ritocchi "facili".
Ha un valore abbastanza profondo da darmi un po' di vitalitá rispetto alle labbra struccate, mentre il tono è abbastanza democratico: è un rosso-rosa con sottotono caldo, con finish Glaze, quindi costruibile.
Su di me non si accende (ho croma molto alto e tendo a spegnere un sacco di rossetti, come ho giá detto), mentre tira fuori un'anima corallo soft su Alice, su cui lo vedo meglio che su di me!


  • H&M Rust Me



Di questo mi innamorai al primo swatch in negozio.
Lo uso un sacco con trucchi occhi impegnativi e tendenti  al caldo, la formula è spettacolare e lo amo.
Questo rossetto lo descriverei come un rosa caldo, decisamente lontano dal "ruggine" che il nome suggerisce. Su di me è abbastanza neutro, si percepisce il rosa e la profondità è sufficiente.
Su Ali tira fuori molto piú calore e le sta benissimo!
(guardate lo swatch sul braccio più su e vedrete una differenza enorme!)


  • MAC Retro



<<ci scusiamo per la foto verdognola, ma era davvero l'unica venuta decentemente>>

Spero si capisca ugualmente come questo rossetto MAC, bellissimo, sia un'esclusiva di chi ha un sottotono caldo!
Su Alice è un nude favoloso (eravamo insieme al momento del suo acquisto e credo di non aver mai visto un match cosí perfetto come il loro!), profondo abbastanza, caldo e vellutato.
Su di me è osceno: mi spegne completamente e sembra davvero che sia uscita da una settimana di dissenteria!



  • MULAC Rudolph


Rudolph lo abbiamo entrambe.
È uno di quei rossetti mutaforme, cambia tanto da persona a persona perché è un mix di tanti toni: il sito dice marrone, rosso e arancio.
Credo sia il marrone a dargli quella profondità fighissima che lo fa stare bene a due scurone come me e Ali, mentre i toni rossi e arancio lo fanno virare diversamente sull'una e sull'altra.
Su di me sembra quasi un bel Marsala freddo (e grigio), mentre su Ali tende un po' verso il color mattone.
Su entrambe è un colore pieno e avvolgente.
Per cui lo promuoviamo entrambe! :) Io lo uso un sacco!

Cosa ci dite?
Avete dei rossetti che non vi stanno come immaginavate?
Andate a vedere cosa ha scritto Alice di questi rossetti.

E alla prossima
Baciuz

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...